Facebook aveva già iniziato da un pezzo a rendere il video marketing un elemento di vitale importanza per la propria piattaforma. Le implicazioni per il marketing sono chiare e difficili da ignorare sia per un discorso di quantità ma anche (e sopratutto) di contenuti. Facebook Live già disponibile per la versione mobile, verrà incrementata anche per desktop. Mark Zuckenberg sta puntando molto sulla componente video tanto da averne raddoppiato il quantitativo in tempi brevissimi.

lnsomma, il marketing del 2016  è viaggiato sui video: dati alla mano, nel 2015 l’84% dei professional marketer e il 55% dei titolari di PMI hanno prodotto direttamente o affidato a terzi la produzione di video per promuovere brand, attività e prodotti. Con risultati strabilianti. Basti pensare che oltre il 60% pianifica per il 2017 un aumento degli investimenti, e molti marketer considerano le abilità legate al Video Marketing prioritari rispetto all’Email Marketing o al Design Marketing.

Il Video Marketing procede a vele spiegate, i Social Network da tempo permettono agli utenti di incorporare video nei post e nei Tweet, soprattutto le grandi aziende registrano risultati positivi grazie agli investimenti fatti nel settore video.

Il successo del Video Marketing viene fotografato dall’infografica di Animoto (in quest’articolo potrete trovarne degli estratti tradotti) che riporta dati interessanti al riguardo, analizzando qual è, e quale sarà, l’approccio dei molti marketer e dei titolari di PMI rispetto alle piattaforme Social e a YouTube per la pubblicazione e condivisione di video.

https://www.gianlucarmenio.com/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/basic_elaboration_browser_check.svg

SOCIAL VIDEO MARKETING: FACEBOOK (STRA)VINCE

Non solo YouTube, ma anche Facebook, Twitter e Instagram perdono la loro dimensione “social” per affermarsi come piattaforme per la pubblicazione e la condivisione di video. In particolare è Facebook a confermarsi come piattaforma più gettonata da marketer e titolari di PMI  per pubblicare e condividere video, per la sua capacità di avere un impatto positivo sul business – quasi 9 volte superiore rispetto alle altre piattaforme.

Non solo. Facebook viene anche indicata come piattaforma che rende più semplice calcolare i benefici ottenuti dalle strategie Social. Per questi motivi, quasi la metà (44%) degli intervistati prevede nei prossimi 12 mesi di aumentare gli investimenti per promuovere contenuti video su Facebook.

https://www.gianlucarmenio.com/wp-content/themes/salient/css/fonts/svg/basic_elaboration_smartphone_search.svg

YOUTUBE E MOBILE-ONLY SOCIAL PLATFORM

YouYube segue Facebook come piattaforma più popolare per la pubblicazione e condivisione di video: nei prossimi 12 mesi circa il 26,4% dei marketer e il 18,5% dei titolari di PMI programma di investire in contenuti sponsorizzati su YouTube.
Tra le piattaforme fruibili solo da mobile, Instagram si conferma come la più scelta dai marketer: circa il 54% considera importante pubblicare video su Instagram, e il 27,4% è propenso a spendere di più per la pubblicazione di video su questo network.

John Maynard Keynes affermò a suo tempo: “la difficoltà non risiede nello sviluppo di nuove idee, ma di fuggire da quelle vecchie.” I Marketers e le PMI devono lasciare andare definitivamente idee obsolete e programmi non più efficaci come tempo fa. Il nostro mondo è in continua e rapida evoluzione. Sarà necessario continuare a reinventarsi. Sarà necessario abbracciare il cambiamento.